Creta consigli pratici. Cosa fare e vedere.

Creta consigli pratici. Cosa fare e vedere.

Creta consigli pratici. Cosa fare e vedere.

 

Dopo 20 anni sono tornato a Creta e quindi ho pensato di realizzare questo video. Come al solito vi illustrerò l’isola, vi darò consigli, vi svelerò qualche piccolo trucco per risparmiare e condividerò il mio pensiero su quello che è cambiato in modo positivo e in negativo in questi anni.

Perché scegliere Creta?

Possiamo dire che Creta è adatta ad ogni genere d’età e di esigenza. L’isola offre un sacco di opportunità sia per giovani che per anziani, sia che siate alla ricerca di relax, cultura, mare, trekking o immersioni, questa è l’isola che fa per voi. E per i più spirituali non mancano i tanti monasteri e luoghi sacri.

Viabilità

Una delle note positive dopo 20 anni è la situazione delle strade: le vie principali nel complesso sono discrete. Nella New National Road, che poi non è altro che una superstrada che attraversa l’isola da est a ovest e nella Old Road, la vecchia nazionale, il manto stradale è sufficiente. Mentre nelle strade secondarie un po’ meno, anche se dipende da zona a zona dell’isola.

Su quest’ ultime potrebbe capitarvi di trovarvi in strade tutta curve e tornanti, su e giù per la montagna, senza protezioni, completamente a strapiombo sul mare. Il mio consiglio è di utilizzare le vie principali il più possibile.

Se vi piace guidare, spesso queste strade passano proprio in mezzo a dei villaggi e si fanno alquanto strette, ma ti permettono di vedere qualche paese tradizionale, con chiesette o monasteri di rara bellezza, non segnalati sulle guide turistiche.

La segnaletica orizzontale, come per gli asfalti, è discreta sulle vie principali e peggiora nelle vie secondarie, fino ad arrivare ad essere completamente cancellata.

La guida è a destra e i limiti di velocità sono simili a quelli italiani, fate attenzione però, sulla superstrada cambiano spesso e ci sono parecchi autovelox disseminati un po’ ovunque e talvolta nascosti dalla vegetazione.

Cadute di rocce e ghiaia sulla strada sono eventi piuttosto frequenti quindi, fate attenzione e cercate di evitare le sezioni piene di detriti sull’asfalto, soprattutto se piove.

Le strade non sono spesso mantenute, ma la situazione sicuramente è migliorata in questi 20 anni.

Come muoversi

L’isola è molto grande, pensate che da punta a punta misura 336km e per percorrerli sarebbero necessarie 5 ore e mezza. Ragione per cui, la macchina a noleggio è la soluzione migliore. Il motorino, a meno di non accontentarsi di piccoli spostamenti locali, è semplicemente una non-scelta. Se non avete alternativa meglio optare per moto o scooter di grossa cilindrata.

Anche i quad mi sento di sconsigliarli, se non per piccoli spostamenti, oltre che per la scomodità per la pericolosità. Come anche segnalato dal sito ufficiale della Farnesina.

Vi invito a vedere il mio vecchio video con i punti a cui fare attenzione in caso vogliate noleggiare un’auto. Trovate il link qui sotto.

https://youtu.be/pqbscZIWZG0

Sull’ isola esiste anche un sevizio di bus che noi non abbiamo mai utilizzato, ma a giudicare dai mezzi piuttosto recenti e dal numero di persone che lo utilizzano, mi viene da dire che non sia così male. Questa è solo una mia impressione, se avete utilizzato questi mezzi scrivete il vostro parere nei commenti, sarà utile anche agli altri.

Spiagge

L’ isola è disseminata di splendide spiagge di differenti tipologie. Se dovessi descriverle tutte potrei metterci ore, in questo video parlerò solo delle principali o di quelle che necessitano di qualche accorgimento in più. Ma se volete approfondire l’argomento ho già realizzato un video dove vi presento un semplice strumento, che vi permetterà di avere nel palmo delle vostra mano, non solo tutte le informazioni delle spiagge di Creta, ma del mondo.

Trovate il video qui e il link in descrizione.

https://youtu.be/BNayMy-P7gU

Piccolo consiglio generale: per godersi al massimo le spiagge arrivate presto, soprattutto nel periodo di alta stagione, le spiagge più famose e più belle sono affollatissime. La situazione è peggiore nella zona ovest dell’isola, mentre migliora un po’ nella zona est.

Balos

La spiaggia più conosciuta di tutte è Balos. Chi non l’ha vista almeno una volta su Instragam? La Laguna di Balos è incantevole, grazie alle sue tante tonalità di azzurro, celeste e turchese che si alternano. Quello che non si vede su Instagram è la difficoltà di accesso. Situata nella punta nord-ovest dell’isola, Balos infatti è raggiungibile solo in due modi: via mare o via terra. Se preferite andare via mare, sono tante le gite organizzate che partono dai diversi porti nelle vicinanze, o in alternativa potete pensare di noleggiare una barca. La soluzione che io vi consiglio invece è di arrivarci in auto. Anche se per arrivarci dovrete percorrere 30 minuti di una strada ghiaiata con salite e discese e 15/20 minuti a piedi, sicuramente è la soluzione più scomoda, ma ne vale la pena. Vi godrete infatti la vista dall’alto dell’intera Laguna che vi lascerà a bocca aperta e soprattutto, se arrivate presto, potrete godervi un paio di ore questo paradiso non ancora affollato dai tanti turisti che arrivano in massa, in barca.

Non preoccupatevi, la strada non è poi così brutta, i tratti più ripidi sono asfaltati ed è piuttosto ampia, anche se solo in alcuni punti si stringe. Dovrete però avere molta pazienza perché il tragitto è molto lungo, circa 8km. Non è necessario avere una jeep, ho visto anche piccole citycar, l’importante è andare piano e verificare, prima di partire, lo stato dei pneumatici perchè verranno sollecitati parecchio.

Mi raccomando, organizzatevi per arrivare presto verso le 9 o rischiate di non trovare posto nel parcheggio, che costa 2 euro o di non trovare nessun ombrellone libero. Un ombrellone e 2 lettini costano 15 €. Oltre questo, è da metter in conto, anche il biglietto d’ ingresso di 1 € a persona all’area protetta (bimbi gratis).

Anche se non è strettamente necessario vi consiglio di portate con voi delle scarpe da ginnastica, vi risulterà più comoda la salita e la discesa, che non è ripidissima e in alcuni punti vi sono pure i gradini, ma vi eviteranno di dover dare troppa attenzione ai sassi che spuntano.

Elafonissi

Questa spiaggia un po’mi ha deluso. Elafonissi è famosa per la sua sabbia rosa ed, in effetti, 20 anni fa era così. Ora la sabbia rosa bisogna cercarla con il microscopio. Non che la spiaggia sia brutta, ci mancherebbe, ma ha perso un po’ di fascino.

La spiaggia si trova a Sud-ovest dell’isola ed è facilmente raggiungibile e accessibile, grazie ad un parcheggio gratuito.

Piccola premessa, qui come in tante altre spiagge dell’isola, il vento può essere forte, tanto da non poter piantare l’ombrellone, quindi verificate sempre le previsioni del vento e organizzate le giornate in base a come gira.

In considerazione a quello che ho appena detto… anche qui è meglio arrivare presto per assicurarsi un ombrellone, se invece preferite la spiaggia libera, vi consiglio di non sostare sulla prima spiaggia ma di attraversare la lingua di acqua bassa (che arriva più meno alla pancia) e di sostare sull’ isola. Ci sono squarci molto suggestivi e soprattutto un ambiente più riservato e persino qualche zona riparata dal vento.

Falassarna

Questa spiaggia è stata una piacevole scoperta, si trova a meta strada tra Balos ed Elafonissi ed è facilmente raggiungibile.

La lunga spiaggia è attrezzata e il mare cristallino e gli innumerevoli pesci la rendono splendida. E’ la location perfetta per godersi il fantastico tramonto, magari tenendo in mano un drink.

Il mio suggerimento è di andare in una delle spiaggette più a nord, più piccole e più riservate, che però chiaramente si riempiono prima. Noi siamo stati in quella che è di fronte al Bird Away beach bar.

Il prezzo degli ombrelloni qui varia dai 40€ per i baldacchini in prima fila, ai 20€ per gli ombrelloni in seconda fila, per poi scendere a 15 € per i rimanenti.

Crissi

In realtà è un’ isola e non una spiaggia. E’ stata una piccola nota dolente, per non dire una delusione, perché da maggio di quest’anno è stata chiusa. Purtroppo, visitare nuovamente questa fantastica isola, con il mare dai colori caraibici, non ci è stato possibile. Per la precisione è ancora fattibile arrivarci, partendo dal porto di Iararpetra, città che si trova a sud ovest dell’isola, ma i battelli non possono attraccare, quindi vi lasciano al largo. Considerando che le correnti nella zona in cui vi lasciano sono forti, io vi sconsiglio la visita se non siete esperti nuotatori e se le condizioni atmosferiche non sono ideali. Oltre a questo, mettete in conto che, arrivando a nuoto, non potrete portare con voi nulla se non con una borsa waterproof. Noi, con 2 bambini, abbiamo deciso di rinunciare.

Vai

Spiaggia suggestiva per la foresta di palme che bisogna attraversare per accedervi, si trova a nord-est dell’isola ed facilmente raggiungibile in auto, tramite un parcheggio a pagamento. La spiaggia è fin troppo attrezzata, con bar, ristoranti e giochi d’acqua, che a mio parere hanno rovinato un po’ il suo fascino.

Anche qui il prezzo per due lettini e ombrellone varia dalla posizione e dal tipo, e vanno dai 60€ per la versione “Private” ai 10 € per la “Classic”.

Seitan limania

Chiamata anche Agios Stefanou, è situata nella penisola di Akrotiri, vicino a Chania e si tratta di una delle spiagge più belle dell’isola di Creta. Presenta sabbia bianca e mare color turchese, il tutto incastonato in una splendida insenatura.

Un po’ difficile però raggiungerla, anche se la strada risulta asfaltata e c’è un piccolo parcheggio gratuito. La salita al ritorno risulta un po’ impegnativa: noi avevamo una punto 1,2 a benzina e un po’ devo dire che arrancava.

Ma la parte più difficile è il percorso per scendere alla spiaggia, che sconsiglio di fare se non avete le scarpe. Il percorso si snoda sul fianco della montagna, senza nessuna protezione laterale, sullo strapiombo, ed è presente solo una misera corda come appiglio. Io personalmente lo sconsiglio a chi ha bambini piccoli. La spiaggia, essendo piccola, si affolla velocemente, non è attrezzata ed è territorio di alcune simpatiche capre, che non si fanno scrupoli a rubare cibo dagli zainetti dei turisti. Nel complesso comunque è una bella insenatura.

Attrazioni

Escludendo le spiagge che abbiamo già ampiamente trattato, a Creta c’è veramente molto da vedere. Per gli amanti della storia sono tanti i siti archeologici. Io vi consiglio il Palazzo di Cnosso che, anche se tanto discusso per la sua ricostruzione non proprio fedele, risulta comunque essere una delle attrazioni a mio parere imperdibili. Il palazzo si trova a pochi km dal centro di Heraklion e il biglietto d’ ingresso costa 15 euro intero e 8 euro ridotto (i minori di 18 non pagano). Vi è poi la possibilità di acquistare un biglietto combinato, Palazzo di Cnosso e Museo Archeologico di Heraklion a 20€.

Vi sono anche date dove l’ingresso è gratuito, metterò un link in descrizione con tutte le informazioni necessarie.

http://odysseus.culture.gr/h/3/eh355.jsp?obj_id=2369

6 March (in memory of Melina Mercouri)
18 April (International Monuments Day)
18 May (International Museums Day)
The last weekend of September annually (European Heritage Days)
28 October
Every first Sunday from November 1st to March 31st

 

Non vi spaventate se trovate fila, scorre velocemente.

Oltre a questi ci sono tanti reperti storici più recenti, dalla fortezza veneziana di Heraklion a quella di Spinalonga, utilizzata in passato anche come lebrosario o il Frangocastello di Chania, solo per nominarne alcuni.

Per i più spirituali sono tanti i monasteri e luoghi di culto sparsi per l’isola, noi abbiamo visitato i  monasteri dell’Akrotiri. Realizzerò un video a parte in cui approfonderò l’evento e metterò il link in descrizione.

Per gli amanti del trekking ci sono il lago di Kournas, unico lago di acqua dolce dell’isola e le Gole di Samaria, una passeggiata mediamente impegnativa di 12km, che parte da un’ altezza di 1250 metri e arriva passando tra queste gole, fino alla spiaggia di Agia Roumeli. Per tornare dovrete poi  prendere un traghetto e un autobus. Metterò un link dove troverete tutte le informazioni.

https://www.mangiaviaggiaama.it/guida-gole-di-samaria-creta/

Città

Per ultime, ma non meno importanti, le splendide città dell’ isola da visitare sia di giorno che di notte. Chania piena di turismo e piuttosto commerciale, la romantica Rethimno con le sue piccole viuzze che ti riportano indietro nel tempo e Agios Nikolaos anche lei splendida, con il suo porto, centro della città, creato in un’ insenatura naturale, circondato da locali e botteghe.

Ma non possiamo dimenticare Heraklion, la capitale. La città negli ultimi anni sta assumendo sempre di più un aspetto cosmopolita: i giovani affollano i locali alla moda, i caffè e le famose boutique.

Queste sono solo alcune delle tante città che meritano almeno una visita.

Acquisti

Devo dire che sono rimasto un po’ stupito dai prezzi, sia dei ristoranti che dei supermercati, che ormai sono quasi equiparati a quelli del nostro paese. Per non parlare dei carburanti, che per quel che ricordo sono sempre stati inferiori rispetto a quelli italiani e quest’anno, a causa della crisi, hanno superato quelli del nostro paese. Il litro di benzina che ho pagato meno mi è costato 2,040, ma in genere il costo era attorno ai 2,100 anche 2,200. Ho trattato l’argomento anche in questo video, dove vi insegno come risparmiare sui carburanti.

https://youtu.be/NJnIHDLiLSg

Per quanto riguarda i prezzi dei souvenir e dei ristoranti sono piuttosto allineati tra di loro. Chiaramente i costi dei ristoranti sul mare sono leggermente più cari e ho trovato la zona ovest più cara di quella est.

Alcuni articoli di artigianato locale, come i prodotti in vera pelle, si possono comprare ad un buon prezzo.

Inoltre, girando per le strade interne, troverete spesso banchetti e negozi, che vendono prodotti locali a prezzi convenienti come: miele, olive e il Raki, la grappa locale, offerta come simbolo di ospitalità.

 

Dove alloggiare

Molto dipende da cosa cercate e dal tempo a vostra disposizione. Noi abbiamo trascorso nell’isola 2 settimane e ci siamo spostati in 3 alloggi diversi, spendendo 2 giorni a Heraklio, 8 giorni nella parte ovest, più precisamente ad Almiryda, ed i rimanenti 4 giorni vicino a Agios Nikoaus nella parte est. Abbiamo voluto prendercela comoda, ma diciamo che, escludendo l’isola di Crissi, sarebbe stato possibile vedere l’intera isola in una decina di giorni.

Se però avete a disposizione una sola settimana vi consiglio di scegliere o la zona est o la ovest, in base alle spiagge o alle attrazioni che vi piacciono di più. Gli aeroporti a Creta sono 2: Heraklion che è al centro dell’isola e Chania che è a ovest.

Se siete alla ricerca di vita notturna e divertimento non posso che consigliarvi Malia e Hersonissos , che sono le mete preferite dai giovani, piene di locali e discoteche. Anche se queste, a mio parere, sembrano più dei parchi divertimento e perdono un po’ il fascino delle cittadine greche.

Se invece volete una movida più moderata potete optare per Chania, Rethimo o Agios Nikolaos. In ordine dalla più movimentata e commerciale, fino alla tranquilla ma comunque vivace.

Per visitare la parte ovest dell’isola noi abbiamo soggiornato ad Almiryda, una piccola località a 20 km da Chania, che vi consiglio. E’ un piccolo villaggio di pescatori situato in una baia, dove il mare è limpido e quasi sempre calmo. Il mare degrada lentamente e l’unico difetto è che spesso i pesciolini ti infastidiscono, tirandoti i peli delle gambe. Siamo stati ospitati nei Marianna appartament dalla famiglia di Niko che ci ha accolto a braccia aperte e con 2 bicchieri di raki pronti da bere. Gli appartamenti sono spaziosi, puliti, funzionali e loro ci hanno fatto sentire come a casa. Ve li “straconsiglio”! Se siete interessati trovate il link qui sotto.

https://www.almyrida-apartments.gr/

Cosa mangiare

La cucina cretese va dal pesce squisito, che però come già vi ho già detto non è più a buon mercato come una volta, all’ottima carne di pollo, maiale e agnello. Sono famosi i Souvlaki, spiedini di maiale, pollo o agnello che vengono accompagnanti da verdure o patate: mediamente costano  1,5o€ l’uno. Attenzione però a precisare gli spiedini perchè a noi è capitato di trovarci servito il gyros souvlaki che è comunque un ottimo pasto economico e costa 3,5€. Altrettanto caratteristica è la Moussaka, un specie di lasagna di verdure con melanzane e patate.

Vi sconsiglio invece i gelati che costano parecchio, sia quelli confezionati che quelli artigianali. Potreste arrivare a pagare un cono a 3 gusti fino a 6 euro, con prezzi che vanno da 1,5 a 2€ a pallina.
Se la birra media costa dai 3 ai 3,5€, grosso modo come in Italia, il caffè espresso è piuttosto caro, lo si può pagare dai 2 ai 2,5€. In rapporto è più conveniente acquistare il caffè freddo a 3,5€.

Dove mangiare

Se siete intenzionati a spendere poco per mangiare, difficilmente troverete fast-food internazionali come Mc Donald, Burgher King o Kfc. Ci sono però tanti piccoli ristoranti che cucinano cibo take-away e street food, come suoflakerie, Grill House e negozi che fanno Gyros e crepes.
In uno di questi locali, per quattro Gyros, una birra, una bottiglia d’acqua e una bibita abbiamo pagato 19,30€.
Se volete fare la spesa e vi trovate in difficoltà ad interpretare le etichette dei prodotti, potete andare in uno dei tanti negozi Lidl, trovando le stesse cose vendute in Italia. Anche se il mio consiglio è di andare nei negozi locali per aiutare maggiormente l’economia greca. Vi suggerisco la catena SYN.KA., ottimi negozi,  dove troverete anche degli splendidi banchi di carne e pesce.

Consigli extra

Fate attenzione, come in tante isole greche, anche a Creta potreste trovare in bagno un cartello come questo, che indica che non si può gettare la carta igienica nel gabinetto, ma deve essere gettata nell’apposito cestino.
Se noleggiate un’ auto fate sempre l’assicurazione totale, ma in ogni caso scattate foto o fate un video sulle condizioni del mezzo. Non si sa mai.
Nel periodo in cui abbiamo soggiornato le mascherine erano obbligatorie solo sui mezzi pubblici, ma abbiamo trovato qualche farmacia con il cartello di obbligo, quindi magari girate sempre con una mascherina in tasche per le emergenze.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti!Non perderti offerte e promozioni!!