Visitare Torino senza spendere troppo

Visitare Torino senza spendere troppo

In questo video parleremo di Torino. Come al solito vi fornirò consigli su come organizzare al meglio la vostra vacanze e qualche piccolo trucco, che vedremo alla fine, su come risparmiare. Il tutto sempre all’insegna dei viaggi low cost.

 

Devo dire che Torino mi ha stupito. Mio figlio l’ha definita come “una città elegante” , a mio parere trovo che la definizione sia appropriata  e oltre a questo aggiungerei che sia una città un po’ troppo sottovalutata. La sua sfortuna infatti è quella di trovarsi in un paese, l’ Italia, che vanta città come Venezia, Firenze, Roma e questo la fa passare in secondo piano. Insomma una città che meriterebbe un maggior risalto.

Attrazioni

Torino è una città piena di attrazioni, fu infatti la residenza del Re dei Savoia e anche la prima capitale d’Italia. In quanto tale non potevano mancare maestosi palazzi, giardini, cultura, arte ecc.

Sono tante le residenze sabaude a Torino e nella periferia, dallo splendido Palazzo Reale in Piazza Castello, con la sua armeria e i giardini, a Palazzo Carignano, prima sede del Parlamento italiano. Nei dintorni trovate la splendida Reggia di Venaria e la Residenza di caccia di Stupinigi, dove il re organizzava battute di caccia e feste.

In totale sono circa una quindicina le residenze sabaude, quindi potete dedurre che visitarle tutte in un weekend è quasi impossibile.

Oltre a questo Torino è famosa per il Museo Egizio, il più antico museo egizio al mondo fondato nel 1824 da re Carlo Felice, che diede vita al museo acquistando una grande collezione per la cifra di 400.000 lire e unendovi altri reperti di antichità classiche di Casa Savoia.

Non possiamo dimenticare la Mole Antonelliana, diventata oggi il Museo del Cinema attrazione che consiglio soprattutto ai più piccoli. Al suo interno infatti è stato redatto un percorso della storia del cinema, che parte dalla fotografia e arriva alla realtà virtuale.

Se siete amanti degli sport, Torino non si fa mancare nulla. Per gli appassionati di motori c’è il Museo Nazionale dell’Automobile. Mentre per gli appassionati del calcio, indipendentemente dalla fede calcistica, potete fare una visita all’Allianz stadium.

Mentre per i più spirituali, potrete visitare il duomo di Torino, nel quale si trova la Sacra Sindone, ovvero il sudario in cui sarebbe stato avvolto Gesù Cristo. Attenzione però, perché la sindone non è sempre visibile, ma solo in alcuni periodo decisi dal papa detti “ostensioni”. Correggetemi se dico qualcosa di sbagliato nei commenti.

A Torino inoltre, ci sono diversi luoghi che l’hanno resa la città magica per eccellenza. Gli amanti della magia troveranno luoghi legati all’esoterismo e all’occulto, per visitarli tutti vi consiglio uno dei tanti tanti tour serali dedicati.

Assolutamente prenotate le attrazioni che volete visitare soprattutto se si tratta del Museo Egizio, anche perché con la Torino card, di cui vi parlerò in seguito, non vi costerà nulla.

 

Quanto stare

Come detto prima, sono veramente tante le attrazioni da vedere e un weekend risulta veramente limitativo. Il mio consiglio è di soggiornare almeno 3 giorni, chiaramente in base alle vostre possibilità.

Come arrivare

Evitando di soffermarmi sull’automobile, che mi sembra banale, è possibile raggiungere Torino in diversi modi:

Via aereo, tramite l’Aeroporto di Torino-Caselle che dista solo 16 km dalla città, o in alternativa se non vi è un volo diretto dalla vostra città, il capoluogo torinese è direttamente collegato con corse di autobus giornaliere anche dall’Aeroporto Intercontinentale “Malpensa 2000” , che però dista 100km.

Potete anche raggiungere la città in treno, ricordandovi che a Torino arriva l’alta velocità o come ultima opzione utilizzando l’autobus come Flixbus una scelta veramente economica per muoversi.

Se ancora non sapete cos’è flixbus vi invito a vedere questo mio vecchio video.

Viaggi low cost in Europa con flixbus

https://www.youtube.com/watch?v=p7BhcV7chms

Dove dormire

Le possibilità di alloggiare a Torino sono innumerevoli, fate solo attenzione al quartiere in cui si trova l’alloggio, come in tutte le grandi città anche qui ci sono zone che la sera non sono proprio raccomandate.

Torino quartieri da evitare e migliori quartieri dove alloggiare;

https://www.vivotorino.it/quartieri-malfamati-torino/

https://www.vivotorino.it/migliori-quartieri-dove-vivere-a-torino/

 

Per la ricerca di un alloggio economico vi invito a vedere questo video, dove vi spiego come trovare una sistemazione a soli 25 euro a notte.

 

Vacanze low cost Italia, hotel economici (1 NOTTE A 25 EURO)

https://youtu.be/OkVWOcDBPK8

Se pensate di arrivare in auto, ricordate di spuntare in fase di ricerca, la voce “parcheggio” nei filtri. Potreste trovarvi a pagare un conto salato per la sosta.

Noi abbiamo optato per un appartamento tramite Airbnb e devo dire che in quella zona non era difficile trovare parcheggio, ma comunque è sempre meglio prevenire.

Spostamenti

Muoversi a Torino è abbastanza semplice, attualmente c’è una sola linea metropolitana, ma sono frequenti le fermate del tram. In alternativa potete noleggiare una delle tante biciclette o monopattini elettrici, che si vedono girando la città.

L’utilizzo è molto semplice, previa registrazione sull’app per smartphone delle società che gestiscono i servizi.

I monopattini vengono localizzati attraverso l’app e sbloccati mediante un QR code situato sul manubrio.

Ogni gestore ha regole e tariffe differenti. Qui sotto trovate un link con la lista dei gestori.

http://www.comune.torino.it/torinogiovani/vivere-a-torino/sharing-di-monopattini-elettrici-a-torino

 

Dove Mangiare

Come in tutte le grandi città esistono le catene di fast food, come Kfc, Burger king e Mc Donald’s. Ma qui esiste anche un fast food nostrano, sto parlando di Mac Bun, che però troverete scritto come M** bun , a causa di un’azione legale di Mc Donald’s.

Ad ogni modo Mac bun si definisce uno slow-fast-food. Come i classici fast food, infatti, è veloce nei tempi di consumo, ma a differenza di tutti gli altri è lento per ciò che riguarda la produzione che resta fedele ai piccoli produttori per quanto riguarda la scelta delle materie prime. Le parole d’ordine qui sono: filiera cortacibi genuinirispetto per le persone e l’ambiente e utilizzo di materiali riciclabili. Non a caso, in piemontese Mac Bun significa “solo buono”.

Qui tutto è artigianale, il pane, la birra (prodotta da birrifici locali), le bevande gassate, come la Mole Cola, anch’esse prodotte rigorosamente da aziende locali e persino le patatine, che non sono surgelate.

Il mio consiglio finale su dove mangiare ricade sulle Piole. La piola è l’equivalente piemontese dell’osteria o della trattoria. In un ambiente quasi sempre a conduzione familiare si mangiano specialità tipiche ad un prezzo onesto. Noi abbiamo pagato 5 euro gli antipasti e dai 6/7 euro per i un primo o un secondo, 3 euro per un bicchiere di Nebbiolo. Torino ne è piena, basterà cercale il termine “piole Torino” su Google Maps e cercare quella più vicino a voi. Vi consiglio di prenotare o presentarvi in anticipo, perché questi tipi di locali sono gettonatissimi. Ovviamente prima leggete le recensioni.

Come Risparmiare

Il primo consiglio  che vi posso dare è di  acquistare una Torino+ piemonte Card. In pratica è una card che ha durata di 1, 2, 3 o 5 giorni e che vi permette di entrare gratuitamente nei più importanti musei e mostre e castelli di Torino e Piemonte. Oltre a questo vi permette di avere ingresso ridotto presso molti altri siti culturali del Piemonte e tanti sconti e agevolazioni sui mezzi di trasporto e visite guidate.

Ogni card consente l’ingresso gratuito o scontato a un adulto e un bambino fino a 12 anni . Per i minori di 18 anni è possibile acquistare la Torino + Piemonte Card Junior. È disponibile, però, solo per la durata di 3 giorni.

https://www.turismotorino.org/it/il-tuo-viaggio/torinopiemonte-card

La card può essere acquistata in due modi:

Card su supporto fisico: sul retro della tessera è riportata la validità in ore e il QR code valido per l’ingresso nei musei.

Card acquistata online: il QR code deve essere esibito sulla ricevuta o dallo smartphone al personale dei musei e siti culturali, per ottenere il biglietto gratuito.

Non preoccupatevi nel caso in cui il vostro voucher di acquisto delle card online risulti intestato alla stessa persona pur avendo inserito nominativi differenti: per l’accesso ai musei fa fede solo il numero identificativo del QR CODE che è univoco.

Come potete vedere in questo esempio, acquistando 2 giorni per la mia famiglia (moglie e due figli), ho pagato 76 euro contro i 171 che avrei speso acquistando i biglietti singolarmente, un risparmio di oltre il 50% e la cosa bella è che più si visita più si risparmia.

Inoltre vi ricordo che la Card si attiva alla prima lettura del QR code; la sua validità inizia a decorrere dal primo utilizzo presso il circuito museale convenzionato per le successive 24, 48, 72, 120 ore a seconda del tipo di tessera acquistata. Quindi se come spesso capita, si arriva in tarda mattinata e si va via nel primo pomeriggio, facendo bene i calcoli potreste risparmiare un giorno di card come abbiamo fatto noi.

Un altro vantaggio per i possessori della Card è la possibilità di acquistare il Biglietto Speciale “Tour” valido per 48 o 72 ore a tariffa promozionale solo presso l’Ufficio del Turismo di Torino.

Con un risparmio che varia dai 2€ a 2,5€ al giorno a persona (come potete vedere in tabella).

Altro grosso vantaggio della Torino card, come già detto prima, è la possibilità di prenotare i musei gratuitamente. Questo vale per quasi tutti i musei: io ho riscontrato solo un piccolo pagamento di 1,5 euro per la mole Antonelliana.

Fate però attenzione perché la Torino card non è rimborsabile, quindi vi consiglio di farla online uno o due giorni prima della partenza.

Visiterete Torino?

Bene, vi ho convinto? Visiterete Torino? Se la risposta è sì, scrivetemelo nei commenti.

Buon viaggio da Andrea!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti!Non perderti offerte e promozioni!!